4 Errori da Evitare con la Pelle di Tuo Figlio

Tuo figlio ha la pelle sensibile e spesso arrossata. Ha una malattia della pelle e non sai più come fare.

Segui i ripetuti consigli dei tuoi genitori o degli amici, vai dai dottori che non fanno altro che prescriverti creme che non hanno effetto, e alla fine ti dicono che non puoi farci nulla perché è genetica o sono malattie che non vanno via, forse con il tempo passerà.

Ti senti insicura e rassegnata alla situazione.

Ti capisco, anch'io ero nella tua stessa condizione.

Poi ho iniziato a studiare e a fare delle prove.

Mi sono messa in gioco, ho avuto il coraggio di fare di testa mia ed evitare di ascoltare chi mi dava consigli e lo faceva per il mio bene.

Ed alla fine ti ho impacchettato 4 consigli che mi sono tornati utili per combattere i rossori che la pelle di mio figlio tirava fuori in continuazione. 

Eccoteli!

1. Mai Bagnetti Lunghi e Caldi

A differenza di quello che ho letto in molti Blog e in siti autorevoli, fare il bagnetto caldo e lungo a mio figlio si è rivelata un'abitudine sbagliata.

Ogni volta che usciva dal lungo bagnetto la sua pelle si irritava, si arrossava, e dopo alcuni minuti che la sua pelle perdeva l'umidità dell'acqua, diveniva ancora più secca.

E non parlo nemmeno di quando mettevo nell'acqua i vari saponi consigliatissimi dai vari dottori, ne ho cambiati molti e poi ho deciso: Basta! 

Quindi ho cominciato a creare delle abitudini tutte nuove per il bagnetto di mio figlio Elia. Ho cominciato a lavarlo senza saponi, a volte mettevo amido di riso (di rado). Ho tolto l'acqua calda e con costanza l'ho fatta arrivare ad essere più freddina che tiepida. Ho anche accorciato i suoi tempi del bagnetto e la frequenza con cui lo faceva.

La sua pelle ha cominciato a ringraziarmi un passo alla volta.

E' stato solo tirando fuori un po' di coraggio, informandomi in maniera specifica, testando come rispondeva lui e la sua pelle che sono riuscita ad osservare i miglioramenti ormai insperati.

Con Calma e Pazienza.

2. Evita di Vestire troppo Tuo Figlio

Noi mamme siamo ossessionate dal freddo. Se sei una mamma "normale" cerchi di proteggere tuo figlio da qualsiasi spiffero che può arrivargli, lo imbotti di vestiti e appena suda lo copri o lo cambi.

Non so da cosa derivi questa cosa, in me è scaturita dai consigli di mia madre che se non facevo questo o quello non ero una brava mamma.

Poi però anche su questo argomento ho deciso di sospendere il giudizio, aiutata (anzi trasportata a forza) da mio marito Stefano.

Ed ho così iniziato a vestirlo meno, in casa quando andava a letto, e quando uscivamo fuori.

Come te sono una mamma ossessionata dalle possibili malattie e facendo questo cambiamento avevo paura di incrementarle.

E invece andando avanti con il tempo mi sono dovuta ricredere anche su questa convinzione popolare. 

Lui è sempre stato bene, anzi. La sua pelle aveva bisogno di respirare, proprio come i suoi polmoni, e la pelle se viene chiusa troppo crea un effetto umidità senza fine dovuto dal sudore, un ambiente ottimo per la proliferazione di batteri e virus!

Così la sua pelle, ancora una volta e un passo alla volta, mi ha incoraggiato ad andare avanti in questa direzione!

Mai avrei pensato di cambiare le mie abitudini da mamma premurosa in maniera così radicale, ma quando ci sono le risposte che desideri al di là del vuoto tutto diventa più semplice!

3. Evita gli Agenti Schiumogeni ed Aggressivi

In parte l'ho accennato nel punto 1.

E se vuoi approfondire c'è proprio un articolo del mio Blog in cui faccio la guerra ai tensioattivi e i siliconi presenti in tutti i prodotti ormai di uso comune.

L'ho testato sulla sua pelle. E' brutto a dirsi? SI, faccio autocritica.

Ma è la verità. 

I tensioattivi e i siliconi indeboliscono la struttura della pelle di un bambino, che come sai non si è ancora formata, non sa ancora come deve essere.

Ed ogni volta che facevo il bagnetto ad Elia ed usavo i saponi consigliati dai dottori e poi anche dopo che sono passata ai saponi di erboristerie e Bio, la sua pelle mi odiava!!!

Ho cominciato a fare dei test e poi ho provato anche sulla mia pelle: tutte le volte che mi facevo la doccia con un sapone liquido, la mia pelle non riusciva a togliersi quella sensazione di scivolosità.

Non era la solita che era prima della doccia, così ho provato a farla senza saponi liquidi ed Ho Sentito che la mia pelle era diversa.

Ho capito che quando facevo la doccia con i saponi liquidi, la mia pelle veniva avvolta da uno strato sintetico che non le permetteva di respirare, sensazione che non ho sentito usando solo una particolare linea di saponi solidi senza tensioattivi e parabeni.

Così ho riprodotto il tutto sulla sua pelle e tutto è stato chiaro.

Le bolle lo facevano divertire? Si, ma ho spostato la sua attenzione sui suoi giochini e le paperelle!

4. Evitare gli Ammorbidenti per i panni della Lavatrice

 

Spesso li ho utilizzati in passato. Gli ammorbidenti fanno indossare i propri capi con più morbidezza.

Questa è stata una sensazione che ho avuto: quando lavava i panni mia madre li sentivo più elettrici, anche se più morbidi e profumati.

Lei abbonda sempre con gli ammorbidenti, anzi ha proprio una mensola apposta: per i capi di lana, quelli di cotone, quelli scuri e potrei continuare..

Elia si vestiva più leggero in estate, solo un body o poco più, ma la sua pelle soffriva. Soffriva sotto al body, quindi nella pancia e sulla schiena.

Ho fatto le mie ricerche ed è arrivata una vocina che mi ha detto: l’ammorbidente è nocivo perché è composto interamente da sostanze chimiche come Hexyl Cinnamal, Hardened TEA, Laureth-20, formaldeide, benzil acetato, Isopropyl Alcohol, coloranti artificiali, derivati del petrolio, fosfati.

Quando si inseriscono i capi in lavatrice, l’ammorbidente crea una sorta di pellicola che tende poi a rimanere sui vestiti perché non subisce tanti lavaggi, essendo versato solo nella fase finale.

Come per i saponi della doccia, anche gli ammorbidenti tappano il corpo avvolgendolo in capi con non permettono la traspirazione.

In più rilasciano sostanze molto più tossiche perché non sono destinate ad uso umano.

Come ho risolto???

Un po' di bicarbonato o un po' di aceto di vino bianco e per farli profumare come voglio 3 gocce di Oli Essenziali a seconda della stagione!

La Bellezza è in ogni Famiglia che Dona Tempo e Amore ai propri Figli

Lorenza Satti

lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati