Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Dermatite Atopica nei Bambini: Il Legame Segreto con le Allergie e le Intolleranze Alimentari

Dermatite Atopica nei Bambini: Il Legame Segreto con le Allergie e le Intolleranze Alimentari

Dermatite Atopica nei Bambini: Il Legame Segreto con le Allergie e le Intolleranze Alimentari

 

Se il tuo bambino soffre di dermatite atopica, ti sarai sicuramente domandata se vi possa essere un collegamento tra questa condizione cutanea e possibili allergie o intolleranze alimentari.

"È possibile che l'allergia o intolleranza di mio figlio influenzi la sua dermatite?" o "La presenza di dermatite indica che mio figlio potrebbe essere allergico a specifici alimenti?"

Sono domande frequenti tra i genitori che navigano nella complessità di questa condizione. 

In questo articolo, ci addentreremo nel mondo complesso e interconnesso delle allergie alimentari, delle intolleranze e della dermatite atopica. Esploreremo se e come certi alimenti possono influenzare la condizione della pelle dei più piccoli, aggravando il prurito e le irritazioni cutanee.

Affronteremo anche il tema dei test per allergie e intolleranze: sono davvero la chiave per capire cosa sta irritando la pelle del tuo bambino? Sono necessari o esistono altri modi per identificare i potenziali cibi scatenanti? Continua a leggere per scoprirlo.

 

Chi sono

 

Sono la Dottoressa Lorenza Satti, mamma farmacista che ha affrontato personalmente e sconfitto la dermatite atopica del proprio bambino.

Nel corso degli anni, ho dedicato la mia esperienza e la mia conoscenza al benessere della pelle dei bambini, aiutando centinaia  di piccoli pazienti  e adulti a raggiungere una pelle sana e radiante.

La mia missione è offrire un approccio completamente naturale e privo di farmaci, creme idratanti convenzionali o sostanze aggressive per la gestione pratica della pelle del bambino.

Nel nostro percorso insieme, non prometto soluzioni miracolose, ma offro una guida passo dopo passo e prodotti di altissima qualità, come Coccole di Elicriso.

Se stai lottando contro la dermatite e il fastidioso prurito, devi sapere che non è normale vivere con queste sensazioni e che c'è sempre una speranza.

Inizia il tuo percorso da qui: Versione soddisfatta o rimborsata e scarica gratis il mio nuovo Manuale "Meno prurito in 7 giorni", dove troverai consigli pratici e quotidiani che fanno la differenza.

 

 

Dermatite, allergie e intolleranze alimentari: c’è un legame?

Pur essendo tre condizioni completamente diverse, dermatite, allergie e intolleranze alimentari sono, in qualche modo, interconnesse.

Per comprendere meglio questo intreccio, è essenziale partire dal distinguere le tre condizioni:

  • La dermatite atopica è una condizione cutanea infiammatoria che causa secchezza, rossore e prurito intenso. Viene definita multifattoriale in quanto dovuta a una combinazione di fattori genetici e ambientali.
  • Le allergie si verificano quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a sostanze esterne (allergeni) che normalmente sono innocue, come pollini, peli di animali o certi alimenti. Questa reazione può causare sintomi che vanno da lievi a gravi e che, in alcuni casi, possono manifestarsi anche sulla pelle.
  • A differenza delle allergie, le intolleranze non coinvolgono il sistema immunitario ma piuttosto il sistema digestivo, che fatica a elaborare determinati alimenti o componenti alimentari, come il lattosio o il glutine.

 

Sia le allergie che le intolleranze alimentari possono contribuire ad aumentare l'infiammazione nel corpo, peggiorando potenzialmente i sintomi della dermatite atopica.

Gli allergeni, infatti, possono scatenare una risposta immunitaria che si manifesta attraverso l'infiammazione della pelle, aumentando rossore e prurito. Spesso, per placare questi sintomi, vengono prescritti antistaminici e creme cortisoniche che però potrebbero non risolvere la situazione, come la testimonianza qui sotto.

Quanto alle intolleranze, possono creare uno squilibrio a livello intestinale, e sappiamo bene come intestino e pelle siano strettamente connessi e del ruolo cruciale dell’alimentazione.

Tuttavia, è importante sottolineare che non è detto che tutti i bambini con dermatite atopica siano necessariamente allergici o intolleranti a particolari cibi, ma gli studi ci dicono che chi ha dermatite atopica sembrerebbe essere più predisposto a determinate allergie o intolleranze alimentari.

 

 

I Test per le Allergie e Intolleranze sono necessari e affidabili?

A questo punto, la domanda che molti genitori si pongono è se sia necessario sottoporre il proprio bambino a test specifici per allergie o intolleranze.

La verità è che, soprattutto nei bambini con dermatite atopica, questi test possono a volte fornire risultati fuorvianti, con falsi positivi o negativi, anche perché il sistema immunitario dei bambini è in continua evoluzione nei primi anni di vita, rendendo meno affidabili i risultati fino all'età di circa 5 anni. Queste le parole di una mamma:

 

 

Dunque, i test potrebbero non essere sempre la strada da percorrere, a meno che non vi siano chiari segnali di altre problematiche o altri sintomi come vomito, reflusso, sangue nelle urine etc. 

 

L’importanza di individuare i cibi “problematici"

E allora cosa si può fare? 

Piuttosto che affidarsi subito ai test, l'approccio consigliato è quello di osservare attentamente la dieta del bambino e le reazioni della sua pelle.

Tenere un diario alimentare (può essere un quadernino, un’agenda, un’app sul telefono, qualunque cosa) può essere estremamente utile per individuare eventuali cibi scatenanti. È importante annotare tutto ciò che il bambino mangia e monitorare le reazioni della pelle, come l'insorgenza di rossore, secchezza o aumento del prurito.

Questo metodo permette di identificare i cibi che stanno irritando e, di conseguenza adattare/modificare la sua dieta in maniera più consapevole.

"Se un cibo sembra causare fastidio implica necessariamente l'esistenza di un'allergia o intolleranza alimentare?”, si chiede questa mamma:

 

 

Non sempre è così. In alcuni casi, infatti, anche il consumo frequente di un alimento (e quindi un suo accumulo nell'intestino) può infiammare e peggiorare i sintomi della dermatite atopica. Le tre principali categorie da tenere d’occhio sono:

  1. zuccheri
  2. glutine
  3. latticini

 

Insomma, come dico sempre, la gestione della dermatite atopica richiede pazienza e attenzione e spesso è attraverso l'osservazione diretta e l'adattamento della dieta che si possono fare i passi più significativi verso il miglioramento.

 

Il tuo bambino ha allergie o intolleranze alimentari? Dimmelo nei commenti!

Un abbraccio, 

Dott.ssa Lorenza

 

 

 fonti: https://nationaleczema.org/blog/atopic-dermatitis-and-allergies-connection/

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Read more

3 Errori Comuni nella Routine Quotidiana per chi ha dermatite e pelle sensibile: Come Evitarli
fattori scatentanti

3 Errori Comuni nella Routine Quotidiana per chi ha dermatite e pelle sensibile: Come Evitarli

La dermatite atopica è una condizione cutanea che colpisce molti bambini, causando prurito, irritazioni e disagio. Se stai cercando soluzioni per gestire al meglio questa condizione, sei nel posto...

Per saperne di più
Farmaci, influenza e dermatite : il ruolo degli integratori
Integratori

Farmaci, influenza e dermatite : il ruolo degli integratori

  Hai mai notato un peggioramento dei sintomi della dermatite atopica del tuo bambino durante o dopo un’influenza e l’utilizzo di alcuni farmaci? Ebbene sì, una semplice febbre o l'uso di specifi...

Per saperne di più