Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Sconfiggi la dermatite atopica: scopri i segreti per una pelle sana e senza prurito!

Sconfiggi la dermatite atopica: scopri i segreti per una pelle sana e senza prurito!
acqua e pelle

Sconfiggi la dermatite atopica: scopri i segreti per una pelle sana e senza prurito!

Se soffri di dermatite atopica, sai quanto può essere frustrante affrontare le fastidiose eruzioni cutanee e il prurito costante. Molti cercano sollievo utilizzando creme ad emulsione a base di acqua, ma è importante capire che questa potrebbe non essere la soluzione migliore. In questo articolo, esploreremo come sconfiggere la dermatite atopica e perché è sbagliato affidarsi esclusivamente a queste creme.

  1. Identificare le cause sottostanti: Per combattere efficacemente la dermatite atopica, è fondamentale identificare le cause sottostanti. Spesso, la condizione è collegata a fattori come allergie alimentari, stress, irritanti ambientali o squilibri nel sistema immunitario.
  2. Approccio olistico: La dermatite atopica richiede un approccio olistico che consideri diversi aspetti della salute. Oltre all'utilizzo di creme, è importante adottare uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata, l'esercizio fisico regolare e il controllo dello stress. Integrare queste pratiche nella routine quotidiana può aiutare a rafforzare il sistema immunitario e a ridurre l'infiammazione della pelle.
  3. Evitare le creme ad emulsione a base di acqua: Le creme ad emulsione a base di acqua sono spesso commercializzate come soluzione rapida per la dermatite atopica. Tuttavia, molte di queste creme contengono conservanti, emulsionanti e altre sostanze chimiche che possono irritare ulteriormente la pelle sensibile. L'acqua presente in queste creme può causare secchezza cutanea e ridurre l'efficacia degli ingredienti attivi.

 

Qual è l'impatto dell'acqua sulla pelle durante la doccia o il bagno?

La pelle spesso manifesta un incremento dell'irritazione rispetto al suo stato precedente. Allora, se tutti ci consigliano di limitarne il contatto diretto, perché la maggior parte delle creme proposte sul mercato è proprio a base d'acqua?

La Dermatite Atopica, così come molti altri disturbi cutanei, è una malattia infiammatoria caratterizzata da un'integrità compromessa della barriera cutanea. Questa barriera presenta delle fessure aperte che impediscono una corretta protezione degli strati sottostanti e provocano l'evaporazione di acqua dall'interno.

Quando sostanze esterne entrano in contatto con questa pelle "compromessa", scatenano irritazione, prurito, infiammazione e l'acqua espulsa causa secchezza.

È di fondamentale importanza evitare l'uso di sostanze irritanti e, contemporaneamente, nutrire e riparare questa barriera cutanea.

 

 

La storia di mio figlio Elia: Come un nuovo prodotto lo ha aiutato a guarire dalla sua dermatite atopica.

Comprendo appieno la frustrazione e l'angoscia che si prova in una situazione simile. Quando mio figlio Elia ha iniziato a manifestare i sintomi della Dermatite Atopica a soli 3 mesi, la sua cute era colpita da questa condizione da capo a piedi. La pelle era secca come la terra arida sotto il sole cocente e il prurito sembrava non dare tregua.

Ho consultato numerosi medici e provato un'ampia varietà di creme formulate per le pelli sensibili, ma nessuna di esse riusciva davvero ad alleviare i sintomi. In effetti, sembrava che il prurito di mio figlio aumentasse ulteriormente, alimentando la mia disperazione e un senso di colpa per non essere in grado di aiutarlo come avrei desiderato.

L'unica cosa che potevo fare era cercare di comprendere il motivo alla base della condizione, dedicandomi a studiare a fondo la dermatite e cercare una soluzione.

Ho dedicato tempo a studiare ogni aspetto della dermatite, ho esplorato articoli scientifici, riviste specializzate, partecipato a discussioni in forum online e visionato video informativi.

Da professionista del settore farmaceutico, con un master in sperimentazione clinica, ho analizzato attentamente tutti gli ingredienti presenti nelle creme che avevo utilizzato fino a quel momento, e ho fatto una scoperta fondamentale:

L'acqua era il principale fattore scatenante!

"Veicolare delle molecole attive in grado di riparare la barriera cutanea oltre alla pura idratazione è importantissimo" Dott. Stefania Miglietta

Analizziamo la composizione della tua crema: Scopri il numero di principi attivi presenti!

Qual è il primo?

 

 

Se il primo ingrediente principale è l'acqua, potrebbe esserci un problema sottostante. Ma perché?

L'acqua è una sostanza economica che, quando utilizzata nelle creme a emulsione, costituisce dal 60% al 90% della loro composizione. Tuttavia, la stessa NON ha un effetto terapeutico sulla pelle, anzi, può presentare alcuni svantaggi. Queste creme, spesso note come emulsioni, richiedono l'aggiunta di sostanze chimiche conservanti per garantire la loro stabilità per almeno 6 mesi, poiché l'acqua è un ambiente ideale per la crescita di virus, batteri e funghi. Inoltre, vengono utilizzate sostanze come parabeni e siliconi per migliorare l'aspetto estetico della crema.

Tuttavia, bisogna notare che solo una percentuale residua della crema è costituita da sostanze attive che realmente agiscono sulla pelle. Si parla di un modesto 5% o al massimo 15% di principi attivi presenti nella formulazione complessiva.

È essenziale prendere consapevolezza di queste informazioni e considerare alternative che offrano una concentrazione maggiore di sostanze attive per garantire una reale efficacia nel trattamento della tua pelle.

 

La verità dietro le creme ad emulsione: perché NON nutrono davvero la tua pelle.

Esaminando questa prospettiva, si comprende facilmente il motivo per cui le creme ad emulsione non forniscono un reale nutrimento alla pelle.

Gli attivi sono presenti in quantità limitate e altamente diluiti, e poiché non tutto penetra efficacemente nella pelle, è difficile che possano esercitare il loro effetto desiderato. Le sostanze aggiunte sono solo agenti che tengono insieme la crema e, inutile dire, non apportano alcun beneficio alla nostra pelle, ma possono addirittura causare irritazioni. Inoltre, l'acqua presente nelle creme crea un ambiente umido sulla pelle, favorendo la proliferazione di virus, batteri e funghi sulla sua superficie.

Tutto ciò si traduce in costi minori per la produzione delle creme, poiché l'acqua "riempie" il prodotto a un costo minimo, mentre le sostanze attive di qualità superiore richiedono una lavorazione più costosa.

Considerate ad esempio l'olio essenziale di elicriso o l'olio di jojoba, sostanze pregiate con prezzi elevati. I nostri nonni non utilizzavano creme ad emulsione, ma utilizzavano unguenti a base di oli e burri vegetali, che erano sufficienti per il loro scopo.

Oggi, per le grandi industrie, una crema deve essere facilmente spalmabile, avere un aspetto e un odore gradevoli, essere soffice. Ma mi chiedo, dove sono i principi attivi?

Inoltre, deve essere vendibile e far sì che il consumatore ne ricompre subito, limitandone la durata a massimo un mese.

Quanto tempo dura invece la crema per il corpo che applichi quotidianamente?Se tutti i problemi si risolvessero immediatamente, saresti portato a ricomprarla?

Quindi, come si può idratare e curare la pelle?

La risposta risiede nell'utilizzo di oli e burri naturali, proprio come un tempo. La cosmesi senza acqua (WaterLess) permette di sfruttare appieno il loro potere in modo semplice, senza che la pelle risulti unta.

Una crema senza acqua è composta per il 90% da principi attivi e per il 10% da cere che facilitano l'assorbimento completo degli oli e agiscono come agenti antidisidratanti. Ciò significa che tutte le sostanze sono attive, nutrono e supportano la nostra pelle.

È importante sottolineare che sono altamente concentrate, richiedendo una piccola quantità di prodotto, e la loro durata nel tempo è notevolmente prolungata.

Puoi facilmente comprendere che durano almeno 5 volte più a lungo rispetto a una crema ad emulsione tradizionale.

 

Spazio per immagine

 

Supponiamo di acquistare una crema convenzionale da 100 ml e una crema senza acqua (WaterLess) sempre da 100 ml.

Quanto tempo durerà la crema convenzionale? Circa 20 giorni? Un mese?
E sapete quanto durerà la crema senza acqua (WaterLess) da 100 ml?
Circa 6 mesi.

È sorprendente, vero?

All'inizio potrebbe sembrare più costosa, proprio come un sapone solido, ma questa crema è altamente concentrata e realizzata con ingredienti attivi di elevata qualità che comportano costi di materia prima e produzione più elevati.

Tuttavia, durano incredibilmente a lungo.

Con il passare del tempo, si verifica un reale risparmio sia per il vostro portafoglio che per la vostra pelle.

 

 

Coccole di Elicriso

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Read more

Dermatite Atopica: come lo stress danneggia la pelle

Dermatite Atopica: come lo stress danneggia la pelle

Hai mai notato che nei momenti in cui sei più stressato la tua dermatite, psoriasi o altro problema della pelle aumenta?! Molti sono gli studi che correlano insorgenza e peggioramento della dermat...

Per saperne di più
Dermatite Atopica e alimentazione
alimentazione e dermatite

Dermatite Atopica e alimentazione

Dermatite atopica a 360°. Il ruolo dell'alimentazione. Ti avranno detto di fare test allergologici, di eliminare alimenti che liberano l’istamina come pomodori e melanzane... e va bene. Avrai elimi...

Per saperne di più