Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Gestione della dermatite atopica nei bambini: scopri come un approccio a 360 ha aiutato questi genitori

Gestione della dermatite atopica nei bambini: scopri come un approccio a 360 ha aiutato questi genitori

Gestione della dermatite atopica nei bambini: scopri come un approccio a 360 ha aiutato questi genitori

Quando si parla della gestione della pelle sensibile o afflitta da condizioni della pelle come la dermatite, è facile cadere nella trappola di soluzioni apparentemente semplici, come l'applicazione di una crema dopo l’altra.

Ma la dermatite è molto di più: come dico sempre, non è solo una questione di pelle.

Attraverso il caso studio di questi due genitori che hanno rivoluzionato la routine di cura della loro piccola, scopriamo l'importanza cruciale di un approccio a 360 gradi nella gestione della dermatite atopica.

 

Chi sono

 

 

Sono la Dottoressa Lorenza Satti, mamma farmacista che ha affrontato personalmente e sconfitto la dermatite atopica del proprio bambino.

Nel corso degli anni, ho dedicato la mia esperienza e la mia conoscenza al benessere della pelle dei bambini, aiutando centinaia di piccoli pazienti  e adulti a raggiungere una pelle sana e radiante.

La mia missione è offrire un approccio completamente naturale e privo di farmaci, creme idratanti convenzionali o sostanze aggressive per la gestione pratica della pelle del bambino.

Nel nostro percorso insieme, non prometto soluzioni miracolose, ma offro una guida passo dopo passo e prodotti di altissima qualità, come Coccole di elicriso.

Se stai lottando contro la dermatite e il fastidioso prurito, devi sapere che non è normale vivere con queste sensazioni e che c'è sempre una speranza.

Inizia il tuo percorso da qui: Versione Soddisfatta o Rimborsata e scarica gratis il mio nuovo Manuale "Meno prurito in 7 giorni", dove troverai consigli pratici e quotidiani che fanno la differenza.

 

 

Il peso emotivo: un aspetto da non sottovalutare

 

Uno dei temi che emerge più spesso dalle nostre chiacchierate è il peso emotivo.

Questa battaglia non riguarda solo la pelle. È un duro viaggio emotivo sia per il bambino che ne soffre, sia per i genitori o chi se ne prende cura.

Assistere impotenti alla sofferenza del proprio figlio e combattere quotidianamente contro il prurito incessante e le irritazioni che non danno tregua, non è per nulla semplice.

La frustrazione e il senso di colpa di fare di tutto senza, però, riuscire ad aiutare davvero il proprio bambino, possono diventare un fardello pesante, alimentando un ciclo di stress e ansia  che, a sua volta, può aggravare ulteriormente i sintomi della dermatite.

È un circolo vizioso in cui il disagio fisico del bambino si riflette e si amplifica nel vissuto emotivo dei genitori, creando un ambiente familiare teso e preoccupato.

Allo stesso modo, per i bambini affetti da dermatite atopica, il confronto con i coetanei può diventare fonte di disagio emotivo e sociale.

Avere una pelle che appare arrossata, desquamata o coperta da croste, può attirare sguardi indiscreti o commenti insensibili, che possono minare l'autostima del bambino.

 

 

Ignorare questa dimensione emotiva significa trascurare un aspetto fondamentale del benessere generale del bambino e della famiglia.

Questi due genitori hanno riconosciuto e affrontato queste sfide emotive, rendendole parte integrante del loro percorso verso una pelle più serena.

 

Mille creme, mille visite, ma nessun miglioramento

 

La storia di questa famiglia racconta di un percorso costellato da innumerevoli tentativi, tra cortisone, creme emollienti e continue visite mediche, di trovare una soluzione alla dermatite della loro piccola.

Questi genitori dicono che per la loro bimba i soliti protocolli e trattamenti standard non li hanno aiutati.

Raccontano di come ogni nuovo prodotto e ogni visita specialistica fossero accompagnati dalla speranza che potesse essere la svolta desiderata, un passo verso il benessere della loro bambina. Eppure, la ricerca sembrava non trovare fine.

In questo cammino, si sono imbattuti in una vasta gamma di creme consigliate, tutte promettenti ma spesso simili tra loro. Etichette che promettono delicatezza e cura per "pelli sensibili, atopiche, delicate" diventano familiari, ma la sostanza spesso rimane la stessa. Molti di questi prodotti tendono a basarsi su formule simili, con l'acqua come ingrediente principale, arricchite di additivi necessari per la loro conservazione e consistenza.

La ricerca di qualcosa di veramente efficace e adatto alla cura di una pelle così sensibile diventa un percorso alla scoperta di alternative che rispondano meglio alle esigenze di chi vive con la dermatite atopica, esplorando opzioni delicate che rispettino la pelle.

 

 

Perché adottare un approccio a 360 gradi

 

La decisione di questa famiglia di rivoluzionare completamente la loro routine quotidiana e il loro stile di vita nel complesso, ha innescato una serie di cambiamenti positivi.

Dalla scelta dei detersivi (ecologici e meno aggressivi) e dei tessuti più adatti (materiali naturali e traspiranti), fino a un'attenzione particolare alla detersione, alla dieta e all'uso di probiotici e integratori: ogni aspetto è stato preso in considerazione.

Adottare un approccio a 360 gradi vuol dire proprio questo: affrontare la dermatite atopica su vari fronti e cioè avere tutti quegli accorgimenti pratici quotidiani che riguardano non solo la cura della pelle, ma anche l’alimentazione, la detersione, i tessuti, la gestione dello stress e delle emozioni etc.

 

Questo approccio a 360 gradi evidenzia come la gestione della dermatite atopica richieda più di un semplice crema: necessita, infatti, di un impegno profondo a modificare le abitudini di vita.
Così facendo, si possono ottenere miglioramenti notevoli non solo nei sintomi ma anche nella qualità di vita del bambino e di tutta la famiglia.
 
N.B: È importante sottolineare che le esperienze personali descritte possono variare da individuo a individuo e non devono essere considerate come prova definitiva dell'efficacia di un trattamento. Consigliamo sempre di consultare un professionista della salute qualificato per consigli specifici.
Stai già adottando un approccio a 360 gradi? Quali cambiamenti hai notato nella pelle del tuo bambino? Dimmelo nei commenti!
Un abbraccio, 
Dott.ssa Lorenza
fonti:

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Read more

Farmaci, influenza e dermatite : il ruolo degli integratori
Integratori

Farmaci, influenza e dermatite : il ruolo degli integratori

  Hai mai notato un peggioramento dei sintomi della dermatite atopica del tuo bambino durante o dopo un’influenza e l’utilizzo di alcuni farmaci? Ebbene sì, una semplice febbre o l'uso di specifi...

Per saperne di più
Allergie Primaverili e Dermatite Atopica nei Bambini: Soluzioni e Consigli
pelle sensibile

Allergie Primaverili e Dermatite Atopica nei Bambini: Soluzioni e Consigli

  La primavera porta con sé fioriture e giornate soleggiate più lunghe, ma per alcuni bambini e adulti con dermatite atopica significa anche l'arrivo di allergie stagionali e il possibile peggiora...

Per saperne di più